Gradazione della Sabbiatura

I 4 gradi di sabbiatura

I gradi della sabbiatura

Il grado di sabbiatura si diversifica, a seconda del livello e della tipologia di impurità da eliminare presenti sul substrato della superficie metallica da ripulire.
Normativamente, i gradi di sabbiatura seguono la disciplina “SIS055900” del 1967 applicata in Svezia ed integrata dalla normativa “ISO8501-1” e vengono indicati con apposite sigle e nomenclature.

Sabbiatura a “metallo bianco” (Sa3)

Il grado di sabbiatura offre un processo di pulizia, un prettrattamento a 360°, che elimina dalla superficie metallica ogni tipo di impurità tipica delle precedenti colorazioni o frutto di ossidazione (ruggine), per farne solo alcuni esempi.
Il risultato è una superficie perfettamente allineata, seppur ruvida, dalle tinte grigio metallico, ideale per favorire trattamenti successivi come la stesura di pitture “protettive”.

Sabbiatura a “metallo quasi bianco” (Sa 2,5)

Il grado di sabbiatura offre un processo di pulizia, un pretrattamento, che elimina la gran parte delle impurità presenti sulla superficie metallica, ad eccezione dei leggeri residui di macchie o colori, si tratta di un trattamento che non pulisce il metallo fino in fondo, ma lo lascia ombrato ed evidenzia possibili rigature, ideale per favorire trattamenti successivi come la stesura di pitture “protettive”.

Sabbiatura “commerciale” (Sa2)

Il grado di sabbiatura offre un processo di pulizia, un pretrattamento che elimina le impurità in eccesso dalla superficie metallica, ma in tal caso il livello di pulizia non è ottimale ed avviene solo in parte, lasciando la superficie di un colore grigiastro e ruvida, si tratta di una ruvidità tipica di una parete non liscia e non allineata, ideale per favorire determinate lavorazione successive che richiedono una base ad alto livello di aderenza, come la verniciatura.

Sabbiatura “grossolana” (Sa1)

Il grado di sabbiatura offre un processo di pulizia, un pretrattamento che elimina dalla superficie metallica solo ed esclusivamente quei residui superficiali di vernice o ruggine, già, in parte distaccati dalla superficie metallica, mentre non agisce su quelli che risultano conservare aderenza alla superficie, tale sabbiatura dà vita ad una parete ruvida non perfettamente allineata, ideale per conferire aderenza a successivi interventi di verniciatura.


LASCIA UN COMMENTO